Al via la discussione sui ddl in materia di referendum ed iniziativa popolare

In data 6 settembre ’12 è previsto l’inizio della discussione dei ddl in materia di referendum ed iniziativa popolare. Nell’occasione il primo firmatario ed i delegati di Più Democrazia in Trentino – Alex Marini, Stefano Longano e Cristiano Zanella – saranno chiamati ad illustrare i contenuti del DDL n.328/XIV “Iniziativa politica dei cittadini. Disciplina della partecipazione popolare, dell’iniziativa legislativa popolare, dei referendum e modificazioni della legge elettorale provinciale”.
Il testo del ddl di iniziativa popolare n.328 – affiancato dal ddl gemello n.330/XIV presentato da Roberto Bombarda – offrirà plausibilmente la traccia da seguire nel corso delle sedute della Prima Commissione e successivamente del Consiglio. Il testo dell’iniziativa popolare, infatti, oltre che completare e perfezionare l’attuale legge sui referendum del 5 marzo 2003, n.3, prevede una lunga serie di istituti finora non contemplati dall’ordinamento provinciale e che potrebbero segnare il passo per un’apertura democratica sostanziale in seno alla comunità trentina.
Tra le varie proposte di Più Democrazia in Trentino si ricordano l’introduzione del referendum propositivo e della possibilità da parte del governo provinciale di presentare controproposte, il referendum confermativo su legge ed atti amministrativi, l’eliminazione del quorum a tutti i referendum adeguandosi così alle altre democrazia occidentali, il referendum consultivo aperto a tutti i residenti maggiori di 16 anni, un portale online per condividere tra i cittadini petizioni, i parerei espressi dai pritani, la mozione di sfiducia popolare, il dibatto pubblico ed altro ancora soprattutto in tema di trasparenza e pubblicizzazione delle procedure.

Gli altri disegni di legge che saranno oggetto di discussione chiedono delle leggere modificazioni all’attuale legge del 2003 con l’eccezione della proposta di Cogo e Firmani – entrambi componenti effettivi della Prima Commissione – la quale è in armonia con il ddl del comitato di Più Democrazia in Trentino poiché sottolinea la necessità di un adeguamento democratico radicale: l’eliminazione del quorum nei referendum provinciali.
In ordine di presentazione, gli altri disegni di legge in attesa di essere esaminati sono:

Ddl 98/XIV – 17 febbraio ‘10 – Proponenti: consiglieri del PD del Trentino
Il ddl prevede di mantenere il quorum con un’inconsistente riduzione percentuale rispetto all’anacronistico 50% degli elettori previsto dalla legge del 2003. Il testo è il seguente: “La proposta ammessa a referendum è approvata se ottiene la maggioranza dei voti favorevoli validamente espressi, a condizione che abbia partecipato al voto almeno la metà della percentuale media dei votanti alle elezioni provinciali svoltesi nel quinquennio che precede il termine per la raccolta delle firme”.
Tra le altre limitazioni alla partecipazione popolare già presenti nella legge attuale il ddl prevede anche la seguente: “Non è ammessa la presentazione di richieste e di proposte ai sensi di questa legge nei trecentosessantacinque giorni che precedono la scadenza e nei centottanta giorni che seguono l’elezione del Consiglio provinciale”. Secondo questa ipotesi su un totale massimo di 5 anni di legislatura, i cittadini non possono presentare richieste di referendum per ben 1,5 anni.

Ddl 222/XIV – 22 giugno ‘11 – Proponenti: M. Cogo (PD) e B. Firmani (IDV)
Il ddl è intitolato “Abrogazione del quorum referendario: modificazione della legge sui referendum provinciali”. Il testo breve ma essenziale è il seguente: “La proposta ammessa a referendum è approvata se ottiene la maggioranza dei voti favorevoli validamente espressi” e “Il referendum per l’abrogazione totale o parziale di una legge provinciale può essere indetto quando lo chiedono novemila elettori aventi titolo a eleggere il Consiglio provinciale o venti consigli comunali”.

Ddl 233/XIV – 27 luglio ‘11 – Proponenti: consiglieri provinciali della Lega Nord
Il testo del ddl prevede la riduzione delle sottoscrizioni da 1500 a 500 per la presentazione di referendum propositivi ed abrogativi che coinvolgono gli interessi delle minoranze linguistiche ladine, mochene o cimbre all’interno delle comunità stesse. I referendum consultivi potranno essere inoltre richiesti da 500 elettori ivi residenti anziché dalla maggioranza dei consigli comunali appartenenti alle comunità delle minoranze linguistiche.

Ddl 297/XIV – 6 aprile ‘12 – Proponenti: consiglieri provinciali della Lega Nord
Dopo la «cortesia» con cui il Presidente della PAT Dellai ha indetto il referendum sulle Comunità di Valle in coincidenza del ponte del 1 maggio ‘12, i consiglieri della Lega hanno pensato di proporre la modificazione del comma 1 dell’articolo 12 della legge sui referendum provinciali sostituendo le parole «è indetto con decreto del Presidente della Provincia» con «è indetto con decreto del Presidente del Consiglio provinciale».

Ddl 305/XIV – 8 maggio ‘12 – Proponenti: consiglieri provinciali del PD (presentato mentre la raccolta firme a sostegno dell’iniziativa popolare era già in corso)
Il ddl prevede di sostituire “la nomina della commissione per il referendum entro 10 giorni dalla data di deposito della richiesta referendum dall’ufficio di presidenza del Consiglio” con la seguente procedura: “Entro centottanta giorni dalla sua prima convocazione il Consiglio provinciale nomina la commissione per il referendum, composta da tre esperti in diritto costituzionale, a uno dei quali sono attribuite le funzioni di presidente, individuati tra docenti universitari e avvocati iscritti nell’albo speciale dei patrocinanti per le giurisdizioni superiori. La commissione rimane in carica per la durata della legislatura. Un funzionario del Consiglio provinciale svolge le funzioni di segretario della commissione”

Ddl 328/XIV di iniziativa popolare – 19 luglio ‘12 – Proponente: Più Democrazia in Trentino
A livello strettamente giuridico, il primo firmatario ed i due delegati – Alex Marini, Stefano Longano e Cristiano Zanella – sono i rappresentanti dei 4.000 firmatari che hanno sottoscritto l’iniziativa provinciale.
Il titolo integrale del ddl è: “Iniziativa politica dei cittadini. Disciplina della partecipazione popolare, dell’iniziativa legislativa popolare, dei referendum e modificazioni della legge elettorale provinciale” (Indice degli articoli)

Ddl 330/XIV – 21 agosto ’12 – Proponente Roberto Bombarda (Verdi e Democratici del Trentino)
Il ddl riprende integralmente il n.328/XV di Più Democrazia in Trentino. Per differenziarsi formalmente il titolo è stato semplificato in “Nuovi strumenti di partecipazione dei cittadini e di democrazia diretta” ed è stato introdotto da una relazione introduttiva che illustra le motivazioni della condivisione e del sostegno di Bombarda all’iniziativa popolare.

Per una panoramica schematica sulle proposte di riforma delle regole:

Annunci

5 thoughts on “Al via la discussione sui ddl in materia di referendum ed iniziativa popolare

  1. Pingback: Dottrina e legislazione in materia di referendum ed iniziativa popolare | Più Democrazia in Trentino

  2. Pingback: 1972 – 2012: il passaggio dal vecchio al nuovo sistema | Più Democrazia in Trentino

  3. Pingback: Richiesta chiarimenti difensore civico al comune di Cavallino-Treporti « Più Democrazia @ Cavallino Treporti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...