I buoni propositi per l’anno che verrà

second anniversaryCome ha fatto notare Alex qualche giorno fa sul nostro gruppo Facebook, ricorre oggi, 13 dicembre, il secondo anniversario del primo incontro che ha poi dato luogo al comitato più democrazia in Trentino e alla proposta di legge che, dopo la sua elaborazione e la raccolta firme, ha portato alla legge che è la numero 1 della XV legislatura.

Il comitato è poi stato costituito il 12 gennaio immediatamente successivo.

Da allora non solo è stato presentato il nostro DDL, ma grazie all’iniziativa di alcuni membri del comitato si è parlato e deliberato su modifiche agli strumenti di partecipazione previsti dagli statuti e dai regolamenti comunali nei due principali comuni del Trentino e in alcuni altri più piccoli, per esempio Storo.

Purtroppo grazie alla clamorosa ignoranza giuridico-istituzionale dei nostri rappresentanti nei comuni maggiori un istituto ritenuto “dannoso per la democrazia” dal principale forum costituzionale mondiale nonchè custode delle buone pratiche europee, la Commissione di Venezia, è non solo rimasto nei regolamenti, ma anche difeso come legittimo.

Il 2014 sarà sicuramente l’anno in cui il nostro DDL verrà discusso. Ma è anche l’anno del primo referendum del tipo che a noi piace. Un referendum confermativo (ossia che decide se una norma debba o meno entrare in vigore), con un numero di firme ragionevoli (il 2% dell’elettorato, anche se preferiremmo l’1% come in Svizzera) e senza quorum.

Si tratta del referendum contro la legge per la democrazia diretta approvato con i voti dell’SVP in provincia di Bolzano indetto ai sensi dell’art. 47 del nostro statuto di autonomia.

La nostra idea è quindi quella di rilanciare le attività del comitato, sull’esempio dei nostri colleghi della provincia di Bolzano.

Per ora le proposte sono queste:

  1. trasformare il comitato in una associazione, cercando di coagulare intorno ad essa anche altre associazioni interessate a sviluppare la partecipazione democratica
  2. estendere le iniziative nei comuni per presentare proposte di modifica nella maggior parte dei comuni trentini
  3. proporre, insieme agli amici di Bolzano un disegno di legge regionale sull’ordinamento dei comuni che preveda più partecipazione dei cittadini e più sussidiarietà, sull’esempio Svizzero
  4. lavorare ad una proposta di modifica dello Statuto di Autonomia, che dovrebbe essere oggetto di modifica nel corso del 2014

Ovviamente potete aggiungere o integrare con altre proposte.

L’idea era di ritrovarci simbolicamente il 12 gennaio. Ma è domenica. Proponiamo quindi di ritrovarci lunedì 13 Gennaio alle ore 20.00 presso l’Ex Municipio di Villa Lagarina. La data è sufficientemente distante da permettere a tutti di organizzarsi per poter essere presenti. E speriamo in una presenza massiccia.

Tra qualche giorno, dopo Natale, creeremo anche un evento su Facebook. Dobbiamo anche capire quanti saremo per vedere capire quale sala potrebbe servire. Potrebbe essere interessante riunirci nella stessa sala in cui è stato costituito il comitato. Ma per quello appunto vedremo. Sono anche ben accetti suggerimenti e contributi.

Advertisements

4 thoughts on “I buoni propositi per l’anno che verrà

  1. Pingback: Le petizioni del Terzo Millenio: e-petition, Avaaz e Change.org | Più Democrazia in Trentino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...