La maggioranza cestina integralmente il ddl di Più Democrazia in Trentino

bocciatoAlle ore 16:00 di martedì 15 luglio il comitato Più Democrazia in Trentino ha ricevuto, per conoscenza, dal gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle una copia degli emendamenti al ddl di iniziativa popolare 1/XV sulla democrazia diretta (ex 328/XIV) presentati dai consiglieri provinciali Filippo Degasperi e Manuela Bottamedi, entrambi membri del gruppo stesso. Nella consultazione del documento i membri del comitato hanno incidentalmente preso atto anche degli emendamenti presentati dai capigruppo della coalizione di maggioranza del Consiglio provinciale. Le firme sugli emendamenti in oggetto sono state apposte rispettivamente da Alessio Manica (PD), Gianpiero Passamani (UPT), Giuseppe Detomas (UAL) e Lorenzo Baratter (PATT).

Il primo firmatario del disegno di legge di iniziativa popolare non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale. Dalla documentazione in possesso, nessun altro consigliere ha presentato ulteriori emendamenti.

Gli emendamenti proposti dal gruppo M5S riguardano puntuali aspetti del testo di legge e in sintesi mirano a:

  • abbassare il numero delle firme richieste per la richiesta del referendum da 8.000 a 6.000;
  • diminuire le firme richieste ai residenti nei comuni dove sono stanziate la minoranze linguistiche da 1.500 a 500 per richiedere referendum aventi per oggetto disposizioni che riguardano la tutela delle minoranze ladine, mochene o cimbre;
  • attribuire compiti specifici alle giurie di cittadini estratti a sorte – i pritani – ed in particolare la previsione della convocazione dei pritani per la valutazione dell’azione di governo e per la valutazione dell’efficacia della legge sulla partecipazione;
  • ridurre il numero massimo di mandati da 3 a 2 legislature per i consiglieri provinciali;
  • introdurre il referendum confermativo obbligatorio per le leggi sulla forma di governo;
  • introdurre il referendum confermativo obbligatorio su leggi e/o atti amministrativi che comportano impegni di spesa superiori ai 50 milioni annuali, o ai 10 milioni se le spese sono pluriennali.

ecco quanto vale il mio votoGli emendamenti proposti dalla coalizione di maggioranza, invece, snaturano completamente i contenuti e la struttura dell’impianto normativo proposto dall’iniziativa popolare. Nella fattispecie, su un totale di 50 articoli contenuti nel ddl n.1/XV, n.39 vengono abrogati e 10 vengono sostituiti. Solo un articolo è stato recepito integralmente.

Rispetto all’iniziativa popolare le differenze sono le seguenti:

  • accolta la proposta di istituire una commissione per la partecipazione. Tuttavia la soluzione prevista non prevede di garantire alle opposizioni la scelta di almeno uno dei tre esperti in materie giuridiche che compongono la commissione. Dispone invece che la commissione per la partecipazione sia nominata integralmente dal Presidente del Consiglio provinciale;
  • eliminazione delle disposizioni nel campo dell’educazione che prevedevano l’insegnameno del funzionamento degli istituti di democrazia diretta nei cicli del primo e del secondo grado e interventi nella formazione degli adulti e nell’ambito universitario;
  • eliminazione del portale della partecipazione e dello strumento della cosiddetta e-petition che avrebbe consentito di presentare, condividere e discutere proposte provenienti da tutto il territorio provinciale su un’unica piattaforma digitale;
  • eliminazione dell’istituto delle giurie di cittadini estratte a sorte;
  • eliminazione delle consultazioni pubbliche e dell’obbligo di pubblicizzazione dei resoconti delle sedute e delle audizioni;
  • eliminazione dell’istituto del dibattito pubblico istituzionalizzato;
  • inserimento del vaglio di ammissibilità all’iniziativa popolare a voto consiliare con l’aggiunta di un termine di 60 giorni per la valutazione della commissione prima di poter avviare la raccolta delle firme;
  • inserimento dei limiti di materia all’iniziativa popolare ed in particolare alle proposte di legge contrarie alla Dichiarazione universale diritti dell’uomo, alla Costituzione Italiana e allo Statuto di autonomia;
  • riduzione da 6 a 3 mesi per la raccolta delle firme dell’iniziativa popolare a voto consiliare;
  • inserimento del limite in materia tributaria e di bilancio per le iniziative popolari;
  • estensione dei termini per la discussione dell’iniziativa popolare. Oltre ai 60 giorni preventivi alla raccolta delle firme per la valutazione di ammissibilità il computo del termine di 24 mesi entro il quale il disegno di legge di iniziativa di popolare deve essere discusso viene azzerato con l’inizio della nuova legislatura;
  • sparisce il vincolo di obbligatorietà della discussione dell’iniziativa popolare. Si va a referendum propositivo solo se precedentemente si raccolgono 13 mila firme;
  • accolta la proposta dell’audizione pubblica al termine della raccolta delle firme e dopo aver ricevuto la comunicazione di regolarità delle stesse;
  • eliminazione della procedura semplificata per la richiesta del referendum propositivo qualora un progetto di legge di iniziativa popolare sia approvato con modificazioni sostanziali dal Consiglio provinciale;
  • eliminazione del referendum confermativo facoltativo per leggi e atti amministrativi;
  • introduzione del termine di 60 giorni necessari alla commissione per la partecipazione per esprimersi sulla validità dei quesiti referendari;
  • accolta la proposta di pubblicazione della proposta referendaria e dei termini per la raccolta delle firme sui siti istituzionali;
  • riduzione dei tempi di raccolta delle firme da 6 mesi a 4 mesi per richiedere un referendum;
  • bocciatura_ripeti 13 mila volte la tua firmaaumento da 8mila a 13mila firme per inoltrare la richiesta di referendum;
  • accolta la proposta della trasmissione elettronica dei moduli per la raccolta delle firme agli uffici comunali;
  • abbassamento del quorum al 20% per i referendum propositivi i quali però non producono effetti vincolanti e quindi di fatto restano dei referendum consultivi;
  • introduzione dei limiti in materia di tributi e di bilancio per i referendum propositivi;
  • abbassamento del quorum di partecipazione al 40% per il referendum abrogativo;
  • eliminazione della mozione di sfiducia di iniziativa popolare;
  • eliminazione del limite dei mandati;
  • eliminazione della sospensione degli stipendi e degli emolumenti per i consiglieri che non pubblicizzano la loro situazione patrimoniale ai sensi della legge 441/1982.

Il fascicolo contenente tutti gli emendamenti nel dettaglio

Annunci

14 thoughts on “La maggioranza cestina integralmente il ddl di Più Democrazia in Trentino

  1. L’ultima parola i cittadini? Sia mai. I rappresentanti si credono dotati di superpoteri. Non accetteranno mai di condividere il potere con i sudditi che vogliono rimangano tali. Interessanti le proposte del M5S.

    Mi piace

  2. Pingback: Comunicazione al Presidente Dorigatti: richiesta di parere del Consiglio d’Europa e in subordine ritiro del ddl | Più Democrazia in Trentino

  3. Pingback: La maggioranza cestina il ddl di Più Democrazia in Trentino | MoVimento 5 stelle Trentino

  4. Pingback: Cronaca di un golpe sventato | Più Democrazia in Trentino

  5. Pingback: Il Comitato scrive al presidente della PAT Ugo Rossi | Più Democrazia in Trentino

  6. Pingback: Lettera del comitato a Dorigatti per procedura di richiesta parere a Consiglio d’Europa | Più Democrazia in Trentino

  7. Pingback: La democrazia diretta si espande in Germania. In Italia no. | Più Democrazia in Trentino

  8. Pingback: Comunicato stampa: anche il Partito Democratico riconosce l’autorevolezza della Commissione di Venezia | Più Democrazia in Trentino

  9. Pingback: Iniziativa popolare sulla democrazia diretta: delegazione Commissione di Venezia visita il Consiglio provinciale il 27 maggio | Più Democrazia in Trentino

  10. Pingback: La democrazia diretta per rinnovare la fiducia nella politica e nelle istituzioni | Più Democrazia in Trentino

  11. Pingback: Disegno di legge di iniziativa popolare n.1/XV: a un anno dalla discussione in Consiglio provinciale | Più Democrazia in Trentino

  12. Pingback: Iniziativa popolare sulla democrazia diretta: istituito tavolo di lavoro per redazione testo condiviso | Più Democrazia in Trentino

  13. Pingback: Schema comparativo tra legge provinciale in vigore, iniziativa popolare e posizione del Presidente della Giunta | Più Democrazia in Trentino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...