More democracy in Trentino

Più Democrazia in Trentino is a recently formed committee with the purpose of promoting  democracy in the Autonomous Province of Trento[1] in northern Italy. The committee officially constituted in January 2012 at the House for the Peace in Rovereto[2] after preparatory meetings and discussions where a different range of people manifested their will to impulse a change in the local political scenario. The way to put this into action is through a legislative proposal supported by a citizens’ initiative.
The goals of the legislative proposal are wide, however the members set two priorities. The first is the removal of the quorum in referendums at the provincial level. The second is the introduction of the confirmative referendum for the legislative and administrative acts issued by the local government. Together with the two priorities, as settled in the statute, the committee is open to promote other initiatives related with direct and participative democracy at all levels: local, national and even communitarian if necessary.
The territory of Trentino is characterized by more than 90% of mountains in which a subsistence economy determined high rates of emigration[3] from the 19th century to the years after World War II. Since then, thanks to the typical peasant laboriousness, forward-looking administrators and a strong social capital, a forceful economic development has brought the province to be one of the richest and with the highest quality of life in Italy.
In the third century the social and economic situation has mutated and contradictions and paradoxes are coming up at every turn. The social capital which guaranteed the growth in the second part of the last century is eroding by an excess of affluence unevenly distributed, a static political class and a greater possession but fewer values. Trentino, instead of becoming a vibrant civil society where good governance and bottom-up policies are implemented, is evolving towards a conservative and traditionalist society with a dangerous lack in democracy.
The systematic and intense financial intervention by public authorities in the economic sphere and civil society is subordinating the citizenry under the government of the province. This phenomena is weakening the social cohesion which has branded local communities for a long time. Clientelism is leading to a distorted distribution of power. Social confidence is decaying. From a model based on cooperative democracy the province is shifting towards a corporative plutocracy model shaped by the type of relation existing between patrons and clients.
Local political parties, which are disconnected from the national realm, and the establishment of the Cooperative Federation[4] which controls, among others, the sector of grocery distribution and the banking system, have shifted away from their historical function on promoting social equity, accountable government and community development. They are in the tenacious effort of keeping personal power and satisfying a limited sum of private interests. It is a small group that seeks to monopolize the lives and thinking of others.
The governor of the province is still showing ambition of running for an extra mandate, the so called Dellai-quater[5]. Similarly, the president of the cooperatives’ establishment has been pushed to run for another mandate, the so called Schelfi-quater[6]. In this “cupola of power”, employment opportunities are provided on “spintarella”, the classic Italian underhanded recommendation for hire. Thus, the contracts for the construction of public infrastructure or for public supplies are subscribed within the “magnadora” [7], the local corruption system. In this context, it is difficult even for the Provincial Parliament[8] to overhaul administrative procedures that are often assigned by the Provincial Executive Board[9] to subsidiaries or in-house companies.[10] This subsidiaries are impossible to control because they are regulated by private and commercial law.
Furthermore, in this hierarchical formation there is little space for the 217 local municipalities[11]. In fact they are too small and fragmented to resist the central power. For resources and capacities they depend entirely from the authority of the province like a modern feudalism, which doesn’t allow self-determination. The councils can not express their autonomy following the principle of variable geometry on the base of their needs and interests. In 2006, a costly new intermediate bureaucratic level of administration – Comunità di Valle[12] – has been imposed from the regional government.
The erosion of democracy in the local scenario and, even worse, an erosion of the social trust and reciprocity in the communities have a fundamental human significance and stimulate serious thought. In this sense, Più Democrazia in Trentino initiative wants to commit into action the possibilities for escaping from this stall, giving voice to common people for a better future.
Più Democrazia in TrentinoThe main motivation which is shared by the committee members is to create the conditions for a qualitative step forward in the relation between citizens and government. Direct democracy is one of the solutions to respond to the demand for political participation, pluralism, rule of law and social justice. Movement towards full democracy is not an easy path, thus the committee is looking at foundations, trade unions and civil society organizations for raising support.
The committee proposal extends the focus from the two priorities to other innovative and ambitious tools to address the needs of the people and the realities on the ground: on-line portal for direct democracy, public debates, citizens’ juries, legislative assistance to popular initiatives, equity in the information, development of programs for democratic civic education and so on. The plan is to inspire reforms to help developing freedoms, accountability, participation and checking government excesses.
Digitalization and on-line publication of petitions, popular initiatives and referenda aim to a stronger partnership with the people. The direct democracy portal want to emphasize  on sharing and exchanging proposals, criticisms and ideas which originate from civil society and from people-to-people interaction. Viable political rights are to help sustainable and inclusive social and economic development. By giving public voice to organized people, the political representatives will have to listen not only the requests from a limited number of lobbyists but also the demands expressed by civil society.
Public debates and citizen juries together with information tools and technology will allow rapid exchange of information on the best public policies to implement. Social dialogue is considered the base to enhance a more detailed and transparent political discussion, where all positions can effectively emerge. Clearly an oriented and open dialogue will increase awareness, transparency and accountability in public administration with a gradual reduction of corruption and illicit financial flows.
The inspiration that lies under the project for more democracy is to find a path to empower people to choose their own future. Renovation must be through participation of people and frequent rotation of the political class. This can be possible by integrating and counterbalancing representative democracy with direct democracy.
In conclusion, Più Democrazia in Trentino through a popular initiative is aiming to contribute to the democratisation of the local political life introducing innovative instruments which have demonstrated to be successful in other countries. On one hand, the objective is to create public opinion through the promotion of popular rights. On the other hand, the objective is to involve people in political decisions to explore talents and motivations towards a more prosperous, fair and ecologically sustainable society.


[1] Provincia Autonoma di Trento: http://www.provincia.tn.it/

[3] For more information: http://www.trentininelmondo.it/

[4] Federazione Trentina della Cooperazione: http://www.ftcoop.it/Portal/

[5] Trentino’s term to refer to the fourth mandate for the president of the province despite the limit of two mandates allowed by the present law.

[6] Trentino’s term to refer to the fourth mandate for the president of the Federazione Trentina della Cooperazione, after having changed the rules which indicated three mandates as a maximum.

[8] Consiglio Provinciale is the legislative body of the local government: http://www.consiglio.provincia.tn.it/

[9] Giunta Provinciale is the executive body of the local government: http://www.giunta.provincia.tn.it/

[10] In the last years the Giunta, the executive body of the local government, has driven to proliferate the in-house companies determining an expensive administrative poliformism. The abuse of this model has established an intricate system of subsidiaries with a high degree of discretion in hiring and managing human resources and in organizing public tenders. http://www.sgp.provincia.tn.it/Welcome.aspx

[11] List of the 217 municipalities of Trentino: http://www.comuni-italiani.it/022/lista.html. In the province of Trento the number of municipalities is almost double than in the province of Bolzano: http://www.tuttitalia.it/trentino-alto-adige/77-province/numero-comuni/. With the exception of the cities of Trento, Rovereto and Pergine and a few other towns, the local municipalities have an insignificant dimension in order to be autonomous in the administration of their tasks.

[12] In 2011 an abrogative referendum has been promoted by the populist party of the opposition – Lega Nord – but the influx of voters is boycotted by the parties in power in order not to reach the participation quorum of 50%. In addition to the campaign for abstention, the governor fixed the date of the referendum to the 29th of April, falling on the weekend preceding a national public holiday, when citizens usually go on holiday.

More democracy in Trentino in PDF format.

Iniziativa popolare Quorum Zero e Più Democrazia: intervista a Paolo Michelotto

Nelle settimane scorse è stata depositata presso la Cancelleria della Corte di Cassazione la proposta di legge di iniziativa popolare Quorum Zero e Più Democrazia. Dopo mesi di lavoro collettivo la proposta è ora nella fase della raccolta firme.
Tra i promotori dell’iniziativa nazionale c’è anche Paolo Michelotto, il quale da anni è attivo nella promozione della democrazia diretta su diversi fronti. Michelotto è peraltro membro fondatore del comitato Più Democrazia in Trentino. Per questa ragione ne abbiamo approfittato per contattarlo personalmente e raccogliere delle impressioni in esclusiva sull’iniziativa nazionale.

Partiamo da una domanda di carattere personale, come sono nati e come si sono sviluppati la tua passione ed il tuo impegno per la promozione della democrazia diretta?
PM: Ho sempre avuto la sensazione che ci fosse qualcosa di più in democrazia di quello che ci raccontavano. Ho cominciato a curiosare, girare nelle biblioteche, fare viaggi in Svizzera e in Baviera, mi sono confrontato con altri “insoddisfatti” della qualità della nostra democrazia e piano piano sono cominciate ad emergere storie diverse, esempi non utopici o filosofici di pratiche democratiche dove i cittadini contano davvero. E una volta entrati in quel mondo non si può più uscirne facendo finta di nulla… Ed ogni giorno arriva una nuova scoperta e un nuovo esempio e si rafforza la voglia di avere una democrazia migliore anche nelle nostre città e nel nostro paese. E non si finisce più. La democrazia è un processo di conoscenza e di esperienza che non termina mai.

Dopo le esperienze a livello locale di Vicenza e Rovereto, come è nata l’idea di un’iniziativa popolare a livello nazionale? Chi sono gli ideatori del progetto?
PM: Già dal 2008 giro l’Italia per presentare il libro “Democrazia dei cittadini” che è una raccolta degli esempi di democrazia diretta che funzionano nel mondo. Nel 2011 con altre persone appassionate di questo tema abbiamo realizzato la Settimana della democrazia diretta con data centrale il 2 giugno. Decine di città coinvolte e decine di gruppi interessati. Si è creata una rete di persone che parlavano delle stesse cose e con le stesse sensibilità. Così quando il 14 giugno 2011 ho scritto un appello a tutti i miei contatti per scrivere insieme un proposta di legge di iniziativa popolare per togliere il quorum e migliorare di strumenti di democrazia diretta in Italia, in molti mi hanno risposto. E da lì è nato tutto il percorso che ci ha impegnato per 8 mesi nella stesura “democratica” dei 18 articoli finali del progetto di legge, che abbiamo depositato il 13 febbraio 2012 a Roma presso la Cancelleria della Corte di Cassazione. Per cui io ho lanciato il sasso, ma i tempi erano maturi e moltissime persone l’hanno raccolto l’invito, ricordarli tutti siamo in troppi, ma siamo tutti elencati nel blog www.quorumzeropiudemocrazia.it nella pagina chi siamo.

Che iter avete seguito per delineare i punti fondamentali dell’iniziativa? Come li avete affinati?
PM: Siamo partiti da un’idea già elaborata, la proposta di legge del Sen. Peterlini che è stata depositata nel 2009. Ad essa abbiamo aggiunto lo strumento della revoca e l’idea di introdurre l’obbligo per tutti gli enti locali di avere gli strumenti di democrazia diretta efficaci senza quorum. Poi nel corso degli 8 mesi in cui si siamo ritrovati di persona e in riunioni online, abbiamo modificato moltissimo il progetto iniziale ed aggiunto il meglio che potevamo trarre dagli esempi nel mondo. E’ stato un processo lento, democratico, dove è stato scremato l’essenza di quello che volevamo, ma dove tutti i 18 articoli sono alla fine condivisi da tutto il gruppo dei promotori. E i contenuti sono “dirompenti” come ha scritto il prof. di Dir. Cost. Michele Ainis su L’Espresso:

  • Quorum zero in tutti i referendum.
  • Revoca degli eletti, che previa raccolta di un numero elevato di firme, possono essere sottoposti a votazione di revoca del mandato (come in California, Svizzera, Venezuela, Bolivia).
  • Indennità dei parlamentari stabilita dai cittadini al momento del voto.
  • Referendum propositivo (come in California)
  • Iniziativa di legge popolare a voto popolare (come in Svizzera), passa in parlamento, dove può essere accettata, rifiutata oppure generare una controproposta, ma poi viene votata dai cittadini).
  • Iniziativa di legge popolare a voto parlamentare con obbligo di trattazione in parlamento in 12 mesi. Se ciò non accade diviene referendum e va al voto popolare.
  • Referendum confermativo (come in Svizzera). Tutte le leggi create dal parlamento, prima di entrare in vigore, possono essere poste a votazione popolare, previa raccolta delle firme necessarie.
  • Referendum obbligatori in alcune tipologie di leggi in cui i rappresentanti hanno un conflitto di interessi (es. finanziamento partiti, leggi elettorali) e sui trattati internazionali e sulle leggi urgenti.
  • Petizione con obbligo di risposta entro 3 mesi.
  • Nessun limite di materie referendabili (come in Svizzera), tutto ciò che può essere discusso dai rappresentanti, può essere messo a referendum e votato dai cittadini.
  • Cittadini autenticatori (oltre alle figure previste oggi per legge).
  • Utilizzo di firme elettroniche (come per la Iniziativa dei Cittadini Europei).
  • Obbligo di introduzione di strumenti di democrazia diretta a livello locale senza quorum.
  • Possibilità da parte dei cittadini di modificare la costituzione (come in Svizzera dal 1891).

Ora che avete depositato la proposta di legge dovrete raccogliere almeno 50.000 firme, sarà entusiasmante ma anche faticoso, come pensate di riuscirci?
PM: In realtà speriamo di raccogliere molte più firme. E questo dovrà venire dall’impegno di liberi cittadini di tutta Italia che si impegneranno in questa proposta. Già in 128 città ci sono state offerte d’aiuto. Spero che il numero aumenti giorno per giorno. Del resto la democrazia bisogna conquistarsela passo dopo passo. Nulla viene regalato. Chi gestisce oggi il potere in qualsiasi contesto, non lo cederà facilmente. È un normale atteggiamento umano. Ma anche i diritti dei cittadini lo sono. L’importante è che loro abbiano la consapevolezza di ciò che spetta loro e molti segni mostrano che questa consapevolezza è sempre più diffusa.

La vostra non è semplicemente una voce critica, è soprattutto un’idea creativa per rinnovare la democrazia italiana, credi che i rappresentanti politici nazionali abbiano le capacità e l’interesse di confrontarsi e di dare una risposta concreta alle vostre proposte?
PM: Non credo che i nostri rappresentanti abbiano qualche interesse a sostenere queste proposte. Non quelli che governano e che sono dentro al parlamento. Ma non perché siano malvagi o corrotti. Semplicemente funziona così in tutto il mondo. Chi ha il potere lotta per mantenerlo strettamente nelle proprie mani. I cambiamenti avvengono quando chi non ha potere, raggiunge sufficiente forza e consapevolezza per esigerlo. E questo è il tempo in Italia. In Svizzera è successo 160 fa, in California 100 anni fa, in Baviera 17 anni fa, in Italia i tempi cominciano ad essere maturi oggi.

Lasciando da parti i possibili sviluppi del futuro iter legislativo nazionale, l’iniziativa popolare “Quorum zero e Più Democrazia” come potrà influire sulla vita democratica negli enti locali territoriali italiani?
PM: Sarà di stimolo per portare avanti iniziativa simili a livello locale. Già in varie città si sta iniziando la raccolta firme contemporanea a livello locale e nazionale. E tutto ciò crea consapevolezza ed accelera il processo con cui alla fine avremo una migliore democrazia anche in Italia.

Democrazia diretta su RaiNews

«Internet cambia la vita politica, favorisce la partecipazione, promuove una nuova idea di democrazia dove i cittadini possono dire la loro sui temi concreti» questo è il messaggio lanciato da Roberto Reale nella puntata “Democrazia diretta” trasmessa da Rai News il 15 luglio 2011 all’interno della rubrica Scenari.
Nel servizio si analizzano il successo di istanze popolari promosse dalla e nella rete ed il rapporto tra internet e politica per indagare il livello di trasparenza della classe dirigente. Si identifica la rete come il luogo privilegiato per coniugare i concetti di libertà e di partecipazione. Internet è ormai la fonte dove la maggioranza dei cittadini cerca informazioni politiche non solo per tenersi al corrente circa i candidati o gli eletti ma anche per protestare e resistere contro le censure.
In questo senso è d’obbligo il riferimento ad Avaaz.org – sito specializzato in petizioni – che è riuscito a far annullare il Gran Premio del Bahrain, dopo aver invaso con commenti negativi i siti web delle scuderie automobilistiche che avrebbero gareggiato in un paese sconvolto da una brutale repressione. Questo è un esempio simbolico di democrazia diretta poichè le petizioni pur non avendo valore legale confermano la volontà dei cittadini di esprimere la loro opinione su cose concrete.
Si osserva il ruolo degli smart phone come strumenti di connessione alla rete che favoriscono l’interazione anche senza l’utilizzo di pc – la cosiddetta nomadizzazione di internet – ma anche gli hacker di Anonymous, i libertari informatici che si battono per la libertà di esprimere i propri ideali e difendere i soprusi. Ad esempio, uno dei loro slogan a sostegno la battaglia contro “l’ossessione e la paranoia della sicurezza e la paura degli altri che immiserisce le nostre vite” è “Join us for great justice and epic win!”.
Nel servizio si parla anche del costituzionalismo popolare dell’Islanda – a cui abbiamo accennato pochi giorni fa – che ribalta la logica che vuole pochi esperti a decidere per tutti.
Notevole anche la parte riservata a M. Zuckerberg inventore di Facebook, il social network che è ormai diventato cruciale per i leader politici mondiali, i quali lo utilizzano per le loro campagne ma da cui ne sono simultaneamente intimoriti per la forza con cui il loro potere potrebbe delegittimato.
Si chiude con Assange, il fondatore di Wikileaks incarcerato ed oggetto di censura causando così con un grave danno per la trasparenza internazionale. Buona visione!

La puntata “Alte velocità” del 9 marzo 2012 parla invece del dibattito pubblico – che noi abbiamo inserito nella bozza 1.0 – che avviene in Francia dal 1995, dove grazie alla legge Barnier si regolamenta la partecipazione dei soggetti direttamente interessati dalle grandi opere con un notevole impatto ambientale.
Si paragona il sistema francesce del dialogo con quello italiano delle opere pubbliche coercitive che determina pessimi risultati come è stato per la TAV della Val di Susa, l’autostrada Salerno-Reggio Calabria e il Ponte di Messina. Questo potrebbe peraltro farci riflettere sull’assenza di dibattito pubblico sulle grandi opere locali in Trentino come Metroland.
Nel servizio sono presenti anche riferimenti a grandi opere imposte alla cittadinanza nel Regno Unito e in Cina, le quali prevedono investimenti di miliardi di Euro per ridurre i tempi di spostamento ma che lasciano irrisolti i problemi di mobilità ordinaria.
Il servizio si conclude con un analisi dei consumi energetici considerando tutto il ciclo di vita di un sistema di trasporto e riferendosi ad uno studio universitario che compara i consumi di energia di differenti mezzi di trasporto. Si ragiona in termini di costi energetici e ambientali in rapporto con la quantità di merci trasportate e il numero di passeggeri.

Direttamente correlata con il tema della democrazia diretta è la puntata “L’anno degli Indignati” del 5 novembre 2011, un approfondimento sul movimento degli Indignados diffuso a livello globale. Il movimento ha avuto il merito di riportare nell’agenda politica i bisogni del 99% della popolazione mondiale per contrastare quella ridotta percentuale di soggetti che si sono arricchiti grazie alla relaziona complice e perversa tra la politica dei clientelismi e la finanza corrotta.
Il servizio mostre le immagini delle nuove forme di lotta adottate da Occupy Wall Street: i presidi permanenti, i cortei, le piazze virtuali e reali che si incontrano senza leader e dove gli interessati puntano a creare un laboratorio politico a cielo aperto. Lo scopo di tali azioni è di determinare un’onda di lungo periodo che solleciti profondi cambiamenti di tipo culturale.
Uno sguardo anche alle proteste spagnole caratterizzate dal motto “Democracia real ya!” che hanno dato grande importanza ai social forum ed hanno innescato l’ondata delle proteste mondiali. Il loro progetto non è nulla di rivoluzionario e radicale ma semplicemente una democrazia partecipativa, esercitata e controllata dal basso grazie alla rete internet, per abbattere i polarismi della politica e per includere i movimenti della società civile.

Tappe nell’elaborazione del ddl di iniziativa popolare

Ieri mattina – martedì 13 marzo – abbiamo ricevuto le prime osservazioni dai funzionari dell’ufficio legislativo del Consiglio provinciale di Trento. In seguito a tale comunicazione abbiamo organizzato un incontro a Palazzo Trentini per venerdì mattina – 16 marzo – dove riceveremo un ulteriore supporto avendo l’opportunità di discutere articolo per articolo le proposte contenute nella bozza 1.0.
Le osservazioni sollevate riguardano vari aspetti: la chiarezza di alcune delle nostre proposte; la necessità di riordino del testo adattandolo alle forme normative standard; la legittimità e la procedibilità degli innovativi meccanismi che abbiamo previsto; e l’esigenza di coordinare aspetti del ddl che si collocano nel campo della legge elettorale.
Sulla base di quanto emergerà dalla riunione con i funzionari provinciali, avremo la possibilità di rielaborare e migliorare il documento. In funzione di tutto ciò, organizzeremo un’assemblea pubblica del comitato Più Democrazia in Trentino per la discussione e l’approvazione finale della proposta.
Per quanto riguarda il luogo della prossima assemblea finora sono state indicate due sedi. La prima opzione è di ritornare sul luogo da dove siamo partiti, Palazzo Libera di Villa Lagarina, per dare un maggiore risalto istituzionale e ripresentarsi nella zona di Rovereto mentre la seconda è la Casa del Sole poiché più intima e consona alla tipologia dei nostri incontri.
Nel frattempo potete inviarci i vostri suggerimenti e le vostre critiche sui contenuti e sulle linee generali delle proposte utilizzando il forum, il gruppo in Facebook o inviandoci direttamente un messaggio via e-mail.

Costituzionalismo popolare in Islanda

Nell’attesa che l’ufficio legislativo del Consiglio provinciale di Trento ci dia un parere sulla bozza del ddl che abbiamo depositato la settimana scorsa, cogliamo l’occasione per dare un’occhiata a quanto accade fuori dai confini nazionali.

Leggendo l’articolo Grassroots Constitutional Politics in Iceland scritto da Paul Blokker e pubblicato nel gennaio 2012 sul sito web del Social Science Research Network, è possibile approfondire il concetto di costituzionalismo popolare.
Nella pubblicazione Blokker descrive la rivoluzione morale che ha avuto luogo in Islanda in seguito alla crisi finanziaria iniziata nel 2008 e che ha favorito una nuova e atipica forma di costituzionalismo dal basso. Nell’ex-territorio danese adottando un approccio partecipativo hanno sfidato la prassi che vede il costituzionalismo come una pratica in cui possono intervenire solo politici e giuristi.
Nel novembre del 2009 in seguito ad un’azione civica guidata da Gudjón Mar Gudjónsson – giovane imprenditore nell’ambito dell’IT e creatore del movimento civico per promuovere la democrazia partecipativa Ministero delle Idee – fu istituita l’Assemblea Nazionale per avviare una sessione nazionale di brainstorming. 1200 partecipanti furono estratti a sorte mentre altri 300 furono selezionati fra associazioni ed istituzioni politiche.
L’assemblea venne suddivisa in gruppi per trattare 9 temi proponendo le soluzioni alla plenaria per la votazione. Al termine del processo deliberativo l’assemblea identificò 4 valori fondamentali – Integrità, Parità di diritti, Giustizia e Rispetto – per indirizzare il paese verso l’uscita dalla crisi e per equipaggiare l’Islanda di nuove e fondamentali regole prodotte e condivise dai cittadini stessi.
L’assemblea civica del 2009 fu solo il preludio al processo istituzionale avviato dall’Atto sull’Assemblea Costituzionale (ACA) volto a riscrivere la costituzione ormai obsoleta (1944). Il 6 novembre del 2010 ebbe luogo il Forum Nazionale per convogliare le informazioni prodotte dal dibattito di 950 cittadini estratti a sorte sui principali temi ed sui valori fondamentali intorno ai quali scrivere la nuova costituzione. Tale processo enfatizzò la fase costituente guidata dai cittadini – tecnicamente utilizzando un brain-storming popolare detto crowd-sourcing – con l’esplicita esclusione della politica ovvero l’anti-political politics.
L’idea ispiratrice fu quella dell’autogoverno e di una concezione del costituzionalismo dove la partecipazione civica è concepita come una necessità affinché la costituzione diventi il riflesso reale e vivace dell’immaginario politico della comunità islandese. Il risultato del Forum Nazionale fu l’individuazione di otto questioni principali sulle quali scrivere la nuova costituzione islandese: paese e nazione; morale; diritti umani; giustizia, benessere e uguaglianza; natura, conservazione e utilizzo delle risorse; democrazia; divisione dei poteri, responsabilità e trasparenza; pace e cooperazione internazionale.
Successivamente, dopo un travagliato percorso per decidere la procedura per la composizione del Consiglio Costituzionale, nell’aprile del 2011 si iniziò la scrittura del documento costituzionale sulla base delle questioni sopra indicate. L’elemento caratterizzanti del CC fu l’esplicita esclusione di politici e giuristi, eleggendo i membri da una lista di liberi cittadini autocandidati e sostenuti da una campagna elettorale finanziata con un massimo di 12.500 Euro.
La trasparenza e l’apertura alla cittadinanza del processo costitutivo furono eccezionali. I cittadini poterono seguire e commentare l’evoluzione dei lavori sul web utilizzando gli spazi offerti da social network come Facebook, Twitter, YouTube e Flickr.
Contrariamente a quanto ci si sarebbe potuti aspettare, nonostante la radicale forma di coinvolgimento popolare architettata per la definizione delle linee guida da dare alla carta costituzionale, non sono stati proposti meccanismi estremi di democrazia diretta. Forse questo anche come conseguenza dellentusiasmo, della fiducia reciproca e della coesione sociale rispetto ad altri paesi. In questo senso, le soglie per indire un referendum confermativo e per sottoporre un’iniziativa popolare al Parlamento sono piuttosto alte (10%) sebbene sia previsto il referendum obbligatorio per modifiche alla costituzione per tutelarsi dai poteri degli organi statali.
Interessante ed innovativa è stata l’istituzione di una sorta di corte costituzionale con poteri ex ante, alla quale può essere chiesto un parere sulla costituzionalità di atti legislativi del parlamento o dei comitati parlamentari. Questa soluzione permette di mantenere una certa tensione fra la forma di governo parlamentare ed i diritti di iniziativa popolare, garantendo una forma di bilanciamento tra i poteri istituzionali e la sovranità popolare espressa tramite gli strumenti di democrazia diretta indicati.
La bozza è stata consegnata al Parlamento islandese nel luglio del 2011 ed è in attesa di essere trattata dal Parlamento. Al momento della consegna, il Consiglio Costituzionale ha evidenziato il pieno consenso dei partecipanti sui principi ivi contenuti ed ha richiesto ufficialmente di sottoporre il documento a referendum popolare. In ottobre il primo ministro ha suggerito una consultazione pubblica in coincidenza delle elezioni presidenziali da tenersi nel giugno del 2012.
Nella peggiore delle ipotesi la bozza sarà scartata dal parlamento islandese ma in ogni caso le ripercussioni sulla vita democratica islandese sono state di notevole rilievo poiché è stato attivato un processo di partecipazione popolare senza precedenti che ha avvicinato alla politica moltissimi cittadini. L’esempio più clamoroso è stata la formazione di un nuovo partito politico nato dal movimento civico che diede vita all’Assemblea Nazionale nel 2009, il quale tra i propri scopi include quello di adottare una nuova costituzione sulla base della bozza scritta dal Consiglio Costituzionale.
In conclusione, il movimento per una costituzione dal basso si è distinto sia per la partecipazione civica che per l’esplicito rifiuto dell’interferenza politica dimostrando una forte attitudine all’autodeterminazione. In conseguenza di tutto ciò, a dispetto dell’assenza di radicali forme di partecipazione nella bozza sono emersi chiaramente dei miglioramenti rispetto alla costituzione vigente: un testo più comprensibile; un richiamo alla dimensione morale; l’introduzione di nuovi diritti popolari seppur blandi; ed infine il riflesso dell’autonomia e dell’autogoverno della cittadinanza determinati da una convenzione costituente promossa dai cittadini medesimi.

Testo tratto da: Grassroots Constitutional Politics in Iceland, di Paul Blokker
P.B. è un docente presso la Facoltà di Sociologia dell’Università di Trento ed insegna Sociologia Politica della Democrazia Europea, dove si focalizza l’attenzione sul deficit democratico in Europa e su una nuova ed emergente società politica europea.
Vedi programma: A Political Sociology of European Democracy

Per ulteriori approfondimenti:
Mob rule: Iceland crowdsources its next constitution
, The Guardian9 giugno 2011
Lessons from Iceland: the people can have the power
, The Guardian – 15 novembre 2011
Iceland to elect citizens’ panel to rewrite constitution
, The Guardian – 26 novembre 2011
Video:
Crowdsourcing A Constitution in Iceland, Al Jazeera
Constitutional Council Sings at Inaugural Meeting, YouTube video
Icelandic Constitutional Council’s, YouTube page

Bozza di legge 1.0

Dopo una serie di incontri fisici ed audioconferenze il gruppo di lavoro – designato nell’assemblea del 9 febbraio alla Casa del Sole e composto da S. Longano, C. Zanella ed A. Marini –  ha prodotto la Bozza del disegno di legge – versione 1.0 sulla democrazia diretta.
La bozza, oltre all’introduzione del referendum confermativo e all’eliminazione del quorum, come indicato nell’atto costitutivo del comitato Più Democrazia in Trentino include una serie di altri aspetti normativi:

  • una proposta per una maggiore condivisione delle petizioni sulla base degli esempi dei portali delle e-petitions esistenti in Regno Unito, Scozia o Germania;
  • la previsione di un meccanismo automatico per l’ascolto e la pubblicizzazione delle consultazioni con i soggetti interessati della società civile come in Svizzera;
  • la possibilità di attivare la procedura di dibattito pubblico per le grandi opere come previsto dalla legge regionale Toscana sulla partecipazione o come avviene in Francia in tema di trasporti pubblici;
  • la richiesta di raccomandazioni e pareri a giurie di cittadini estratti a sorti per risolvere temi controversi come peraltro accade negli USA, Canada, Australia, Gran Bretagna, Spagna, Olanda, Svizzera, Irlanda o India;
  • la pubblicizzazione delle iniziative dei cittadini che abbiano rispettato le modalità ed i termini per la raccolta delle firme;
  • l’estensione del diritto di voto per i referendum consultivi ai residenti sul territorio provinciale e che abbiano compiuto i 16 anni di età;
  • l’estensione del diritto alla dichiarazione di sostegno per le petizioni, le iniziative popolari e i referendum consultivi ai residenti sul territorio provinciale che abbiano compiuto i 16 anni di età;
  • l’introduzione di meccanismi di controllo diretto degli eletti come la revoca ed il limite dei mandati come previsto ad esempio in numerosi stati degli USA o in Svizzera per l’intero governo collegiale;
  • la possibilità – previa autorizzazione del sindaco ed assumendosene le responsabilità civili e penali del caso – di un cittadino residente sul suolo provinciale di assumere la funzione di autenticatore nella procedura della raccolta delle firme come peraltro avviene in Svizzera o in alcuni lander della Germania;
  • l’implementazione di sistemi elettronici di raccolta delle firme per limitare gli oneri amministrativi come ad esempio è previsto per l’Iniziativa dei Cittadini Europei;
  • la possibilità di verificare la regolarità delle firme mediante un controllo a campionamento casuale come per l’ICE;
  • l’adozione di specifiche norme sulla protezione ed il trattamento dei dati personali contenuti negli elenchi delle dichiarazioni di sostegno;
  • l’attivazione di clausole di garanzia come elemento imprescindibile della funzionalità degli istituti di democrazia diretta mutuandole dalla proposta dell’Iniziativa per Più Democrazia di Bolzano: diritto alla consulenza giuridica istituzionale, informazione degli aventi diritto al voto, garanzia di equa informazione, regola della correttezza e regola della trasparenza.
  • la reintroduzione dell’insegnamento dell’educazione civica a livello scolastico e a livello extrascolastico anche attraverso associazioni e organizzazioni della società civile.

Lunedì mattina, 5 marzo, il gruppo di lavoro si riunirà per sottoporre la bozza ad un’ulteriore revisione. In seguito si recherà presso l’ufficio legislativo del Consiglio Provinciale per fissare le modalità di assistenza legislativa, la quale ci era stata concessa ufficialmente il 24 gennaio dal Presidente del Consiglio Provinciale, Bruno Dorigatti.

La bozza integrale non è ancora stata ottimizzata da un punto di vista formale e del linguaggio giuridico. Per questa ragione vi invitiamo ad indirizzare i suggerimenti, le proposte alternative ed i commenti ai contenuti focalizzando l’attenzione sui principi da modificare, inserire o eliminare.

Per esprimere i vostri commenti abbiamo pensato di rispolverare il forum creato a dicembre per raccogliere le idee. Abbiamo creato una categoria di discussione denominandola BOZZA DI LEGGE 1.0 ed abbiamo aperto una serie di focus sulla base dei capitoli e dei titoli contenuti nella bozza stessa. Il link completo è:
http://democraziadiretta.forumattivo.it/c3-bozza-di-legge-10

In funzione delle modalità di intervento dell’ufficio legislativo per il vaglio della bozza 1.0 e dei vostri commenti, organizzeremo un’assemblea per l’approvazione finale del documento indicativamente tra il 12 ed il 15 marzo. In seguito a tutto ciò, se il progetto sarà sufficientemente condiviso potremo finalmente partire con la fase successiva dell’iniziativa: la raccolta delle firme.

Per scaricare la bozza integrale: DDL_più_democrazia_v._1.0